Gemma è l’unica gattina della sua cucciolata a essere sopravvissuta. La mamma ha abbandonato lei e i suoi fratelli a pochi giorni dalla nascita, e se non fossero stati notati da una famiglia accanto a un cespuglio in una strada dell’Idaho, negli Stati Uniti, probabilmente non sarebbe sopravvissuta neanche lei.

A portarli via dalla strada sono state Annalise Burke e sua madre, che li hanno accompagnati al rifugio più vicino dopo averli nutriti con il latte di capra. «Sfortunatamente i fratelli di Gemma non ce l’hanno fatta – raccontano -. E noi abbiamo deciso di adottare subito la micia che era già entrata nei nostri cuori».

Il veterinario aveva detto che probabilmente la gatta saprebbe morta, e aveva consigliato alla famiglia la soppressione, «ma noi abbiamo deciso di aiutarla – continuano – ed è stata la scelta migliore».

Annalise ha rinunciato al suo lavoro estivo part-time per prendersi cura della gattina, e la sorella la ha aiutata ogni giorno a occuparsi del quattro zampe pur abitando molto lontano da lei. «Alla fine è successo un miracolo e Gemma ha iniziato a stare bene – racconta la famiglia -. Ora Gemma ha 5 settimane: gioca, esplora la casa, ed è felice».