Non voleva più il suo gatto. E per togliersi l’impiccio ha deciso di spedirlo in gattile. Letteralmente. Una donna di 33 anni di Taiwan è stata multata per aver messo in pericolo di vita il suo Scottish Fold chiudendolo in una scatola e spedendolo tramite il servizio postale, come un qualsiasi pacco.

Si può solo immaginare lo stupore del personale del Banqiao Animal House quando ha aperto l’imballo e si è trovato davanti un gatto terrorizzato, pietrificato, rimasto chissà per quanto tempo in uno spazio claustrofobico senza ventilazione, cibo o acqua.

Hanno subito fatto visitare il micio e denunciato l’accaduto alla Protezione degli animali di New Taipei che, attraverso i video di sorveglianza della posta, è stato in grado di identificare e rintracciare la persona che ha spedito il gatto.

La signora Yang sembra non aver capito la gravità del gesto, giustificandosi di non avere abbastanza tempo per portarlo di persona, e che non aveva più i mezzi per prendersi cura del cucciolo che «da oltre un anno ha problemi di mobilità a causa di una ferita che già aveva quando l’ho preso. L’ho portato a fare diverse terapie, anche l’agopuntura, ma non sono servite», riporta Udn News.

La 33enne è stata è stata multata di 60 mila dollari taiwanesi, circa 1700 euro, per aver violato la Taiwan Animal Protection Act, e di altri 30 mila, circa 850 euro, per non aver precedentemente vaccinato il gatto contro la rabbia, una procedura obbligatoria sull’isola.

Fortunatamente il gatto non ha subito conseguenze, oltre a un brutto spavento. Ha un problema ormai cronico alla zampa posteriore destra che lo fa zoppicare e limita la sua mobilità. Ma per il resto è in salute, e finite le profilassi potrà essere messo in adozione, alla ricerca di una famiglia che decida di prendersi cura di lui per tutta la sua vita.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.