Non oso immaginare cosa abbia pensato la persona che ha inventato il grattatoio. “Ci sono” avrà pensato, “facciamo qualcosa che i gatti possano grattare che sia troppo corto, un po’ ondeggiante e molto meno attraente per un gatto di un divano !” I gatti grattano per mantenere in ordine le unghie, per far esercitare i muscoli e marcare il territorio.

Purtroppo i nostri costosi divani e poltrone sono proprio all’altezza giusta per un gatto per potersi allungare del tutto, sono abbastanza robusti da resistere anche alla più forte trazione delle unghie e sono praticamente accanto a dove il gatto medio trascorre la maggior parte del suo tempo a dormire. Una volta che il vostro gatto avrà depositato il suo odore sul divano e avrà lasciato il segnale su quel gruppo di fili tirati, ritornerà ogni giorno per finire il lavoro finchè la stoffa non si sarà lacerata del tutto e la maggior parte dell’imbottitura non sarà uscita.

Per impedire che faccia questo genere di danni (e per proteggere anche i tappeti, la carta da parati, i letti e i mobili di pino) doverete fornirgli grattatoi accettabili che siano rigidi e della giusta altezza e consistenza, e collocarli in quei posti dove i gatti amano grattare, come ad esempio vicino a dove dormono o nei posti strategici vicino alle finsetre, alle porte a vetri e alle entrate/uscite.

Tratto da Vicky Halls,  La Bibbia del gatto, L’ultima parola sul mondo felino, 2008.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.