«La notte in cui l’ho trovato, durante un temporale, era così piccolo che sembrava un topolino». Così Kathryn Van Beek racconta il salvataggio del suo amato micio Bruce, che oggi ha due anni.

L’ha incontrato su una strada di Auckland, in Nuova Zelanda, mentre stava tornando a casa in auto. Il cucciolo era appena nato, e aveva uno sguardo smarrito alla ricerca della sua mamma che purtroppo non c’era. «L’animale aveva un disperato bisogno di aiuto», racconta Kathryn Van Beek, che quella notte l’ha portato a casa con sé.

Ha scoperto poco dopo che il gatto aveva una malattia, probabilmente ereditata dalla mamma, che gli faceva diventare il pelo grigio. Ma in sei settimane le cure veterinarie sono state efficaci e il micio ha cominciato a stare meglio. E ad avere un pelo quasi completamente nero.

«Bruce adesso sembra aver superato il trauma dell’abbandono – prosegue la sua nuova proprietaria – e ama trascorrere il suo tempo a casa, giocando tutto il giorno. E’ un animale molto dolce e sensibile, ma soprattutto uno spirito libero».

La sua storia ha anche ispirato la proprietaria, che ha scritto un libro per bambini il cui protagonista è proprio il suo gatto Bruce. «Ho scritto una storia – racconta – dedicata all’incontro di questo gatto meraviglioso che ha cambiato la mia vita. Spero che il testo possa anche sensibilizzare le persone a fare adozioni consapevoli».

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.