E’ salito a 178 il numero di animali assistiti dall’Enpa nelle zone del Catanese colpite prima dal terremoto, poi dalla forte ondata di maltempo. L’intervento dei volontari è iniziato nelle ore immediatamente successive al sisma, continua anche oggi e proseguirà fino a quando l’emergenza non sarà superata del tutto. Ad essere colpiti non sono soltanto i cani di proprietà – per 23 di loro i volontari hanno dovuto trovare uno stallo – ma, anche e soprattutto, i randagi. Per loro, 110 gatti di colonia e 45 cani, l’Enpa di Catania ha creato dei punti di alimentazione sul territorio e distribuito diverse cucce prefabbricate dove possono trovare riparo dal gelo e dalla neve che in questi giorni hanno colpito anche la Sicilia orientale. Complessivamente la Protezione Animali catanese ha distribuito 900 chili di pet food; una parte dei quali è stata donata a ricoveri e strutture private in difficoltà.

«Al momento – spiega Cataldo Paradiso, presidente dell’Enpa di Catania in un comunicato – non ci risultano particolari criticità a carico delle strutture di accoglienza, neanche di quelle gestite dai privati. D’altro canto, nei giorni passati abbiamo risposto a numerose richieste di aiuto e assistenza, portando a soluzione alcune criticità».

«Al momento – spiega Cataldo Paradiso, presidente dell’Enpa di Catania in un comunicato – non ci risultano particolari criticità a carico delle strutture di accoglienza, neanche di quelle gestite dai privati. D’altro canto, nei giorni passati abbiamo risposto a numerose richieste di aiuto e assistenza, portando a soluzione alcune criticità».

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.