Nascosto fra le siepi. Non sapendo dove andare, questo tenerissimo gattino ha trovato riparo fra dei rovi, in un cortile di Los Angeles, in California. Il micio, però, rimasto da solo troppo presto per sapere badare a se stesso, era in serio pericolo.

A salvarlo prima che fosse troppo tardi è stata Sandra Lee, che cinque mesi fa l’ha trovato grazie al suo flebile miagolio arrivare dalle foglie. Il gattino era in fin di vita, ridotto a pelle e ossa, così debole da non riuscire a tenere gli occhi aperti.

Ma Sandra non si è abbattuta e ha chiamato subito un suo amico, appassionato soccorritore di randagi proprio come lei, per chiedergli un aiuto.

«Era così gravemente disidratato e malnutrito che si potevano contare le ossa lungo la sua spina dorsale. Non eravamo sicuri se avrebbe superato la notte». E invece LivvieLive si è dimostrato un vero combattente.

«Il veterinario ci ha detto che non aveva visto mai niente di simile»: era letargico e aveva seri problemi digestivi a causa di una alimentazione irregolare e arrangiata. Il cucciolo aveva tre settimane ma era molto piccolo: aveva un serio blocco intestinale e «l’accumulo di tossine nel suo corpo gli aveva causato anche gravi tremori».

Il gattino è stato ricoverato. Ma dopo quattro giorni, ha iniziato e mangiare da solo e, piano piano, a crescere, come ogni altri micio. «E’ stata lunga, ha avuto bisogno di constanti cure, di essere alimentata con un biberon e aiutata a fare i bisogni».

Ma dopo tre settimane, e dopo molte notti insonni e dure battaglie combattute, Livvie è riuscito ad usare per la prima volta la lettiera. «Un traguardo incredibile per un piccolo combattente!».

«Ho quasi pianto quando è riuscito ad andare di corpo da solo per la prima volta», confessa Sandra. «Se non l’avessi trovato in tempo, sarebbe morto in poco tempo».

LivvieLive «era in condizioni fisiche terribili, ma ha dimostrato una straordinaria voglia di vivere».

Oggi LivvieLive è sulla via di guarigione. Ha quasi sei mesi e «una personalità stravagante. Poi fa delle fusa rumorosissime ed è super affettuoso». E ha trovato anche una famiglia che si prenderà cura di lei per sempre.

«Una signora da perso il suo gatto dopo 12 lunghi anni di vita insieme. E assomigliava tantissimo al nostro Livvie. Siamo contenti che ora potrà portare in quella casa un sacco di risate e coccole, rincuorando la donna dopo la sua grave perdita».

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.