In missione con una gatta. Ogni volta che la soldatessa Julie Cordes, che vive con il marito e la figlia a Fort George Meade, nel Maryland, parte per una missione, la sua gatta la segue. «Siamo diventate una coppia inseparabile», sorride Cordes.

La gatta si chiama Sophie ed è entrata a far parte della loro vita quattro anni fa. E’ stata la figlia a salvarla quando era ancora una randagia di pochi mesi, e a portarla a casa loro. «E da quel giorno – racconta la figlia – la vita del felino e di mia mamma è cambiata. Si legano e si vogliono bene ogni giorno di più».

Da quattro anni viaggiano insieme per l’America. Sono stati in decine di posti, tra cui l’Illinois, l’Arizona e il Kansas. «La mia gatta mi è sempre vicina in tutti i miei spostamenti lavorativi – dice Julie Cordes – e spesso la sua presenza mi aiuta a tranquillizzarmi, a sentirmi più serena». Aggiunge: «Insomma, lei mi migliora la vita».

Julie non è mai stata una grande amante dei gatti, ma da quando ha conosciuto Sophie non si staccherebbe mai da lei: «Le mie avventure diventano speciali – dice – quando c’è la gatta al mio fianco». E le loro foto sui social, con la proprietaria in divisa, sono già diventate virali.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.