Ha lottato con tutte le sue forze, ma alla fine non è sopravvissuto alla crudeltà umana. Babo è morto, dopo più di un mese di agonia. Il suo incubo era iniziato a fine marzo quando qualcuno l’aveva cosparso di benzina e dato alle fiamme in strada a Valserra a Terni.

Gatto Terni

Il suo proprietario Andrea Sfiligoi ha provato di tutto per salvarlo, ma alla fine si è arreso: le condizioni del gatto erano troppo gravi per continuare a sperare. Da giorni Babo rifiutava il cibo e soffriva per il vomito e la diarrea.

Alla fine Sfiligoi e il veterinario hanno dovuto prendere la decisione più difficile: sopprimerlo per il suo bene. «Oggi diremo addio a Babo. Non si poteva fare più nulla. Grazie a tutti per il supporto, spero di potervi dare notizie migliori» scrive l’uomo sulla sua pagina Facebook. Per supportare le cure era stata anche aperta una sottoscrizione online. I soldi rimasti sono stati donati per la cura di altri mici malati.

A rendere ancora più amara la notizia della scomparsa di Babo è il fatto che non è stato trovato alcun responsabile per il gesto. Il suo proprietario aveva anche offerto una ricompensa di 200 euro a chiunque avesse portato informazioni utili. Ma nulla.