Quando in casa abbiamo un gatto, siamo spesso costretti a rimediare al cattivo odore generato dalla sua pipì. In commercio esistono dei prodotti specifici per eliminare l’odore della pipì del gatto, compresa la lettiera profumata. Tuttavia possiamo rimediare all’inconveniente utilizzando anche quelli di uso comune nella nostra cucina, e quindi fare il lavoro velocemente e con costi minimi. In questa guida, a tale proposito ci sono alcuni consigli su come eliminare l’odore della pipì del gatto.

Assicurati di avere a portata di mano:

  • Aceto bianco
  • Bicarbonato di sodio
  • Acqua ossigenata
  • Spruzzino
  • Spazzola

Eliminare l’odore della pipì del gatto può avvenire in modo facile ed economico se si utilizzano alcuni ingredienti naturali come l’aceto, specifico per “mangiare” gli odori, e il bicarbonato di sodio, ideale invece per rimuovere l’alone rilasciato su tessuti o sui mobili. La cosa importante è che non sono sostanze tossiche nemmeno per il gatto stesso. Quando un gatto fa la pipì sui tappeti, l’odore è indubbiamente molto sgradevole e difficile da eliminare, ed inoltre lo stimola ad urinare nello stesso posto accentuando così il problema. Una volta che lo si rimuove in modo permanente, il gatto non sarà più attratto dall’odore e non andrà più a fare la pipì nello stesso punto.

Se il gatto ha recentemente urinato sul tappeto, bisogna assorbirne la maggior quantità possibile usando tovaglioli di carta oppure un vecchio asciugamano. Utilizzando il nostro olfatto cerchiamo poi di capire dove è il posto preciso in cui il gatto ha fatto la pipì, e procediamo ad eliminarne definitivamente l’odore della pipì del gatto. Per questa operazione prendiamo l’aceto bianco e lo diluiamo al 50% con acqua e lo versiamo sul tappeto o su altre superfici come tessuti in fibre, in modo che possa penetrare a fondo. Dopo il trattamento con la soluzione a base di aceto bisogna asciugare il più possibile, tamponando la parte con della carta assorbente.

A questo punto, bisogna applicare una manciata di bicarbonato di sodio sopra l’area interessata, e dopo averlo lasciato in posa per almeno 15 minuti, possiamo aggiungere dell’acqua ossigenata e poi rimuovere il tutto con una spazzola per tessuti, asciugando definitivamente con un ventilatore o un phon. Se l’odore della pipì del gatto è presente nelle altre camere come ad esempio quella da letto, la stessa sostanza a base di aceto e acqua, può essere utilizzata nebulizzandola con l’aiuto di uno spruzzino. Con tutti questi piccoli ma importanti accorgimenti, è possibile dunque eliminare l’odore della pipì del gatto in modo definitivo, e il tutto con prodotti naturali e ad un costo irrisorio.